venerdì 23 dicembre 2011

Gateaux Veg

Ieri pomeriggio mi è presa una voglia smodata di mangiare qualcosa di sfizioso, (leggasi: salato con la crosticina)  dopo vane ricerche sul web (niente mi ispirava) mi son detta "mangerei un bel gateaux".
Ora bisogna sapere che a Napoli (dove tra le altre c'è stata anche una dominazione francese) per gateaux (o italianizzandolo gattò)  si intende un tortino di patate farcito con salumi e formaggio, ma dato che io non mi cibo più di questi prodotti, e non volendo imitare il piatto originale (usando seitan e tofu) l'ho rielaborato con quello che avevo in frigo e profumandolo con le spezie.

Ingredienti:
  • 5 patate medie
  • 4 carote
  • 150 g di olive di Gaeta (da snocciolare)
  • 1 cucchiaino di spezie per cous cous
  • 50 g di yogurt di soia
  • latte di soia (eventuale)
  • sale q.b.
  • 1 filo d'olio evo
  • mandorle tritate (una decina)
  • impanatura di mais (1 cucchiaio)
  • lievito in scaglie (1 cucchiaino)
Mentre lessate le patate con tutta la buccia, snocciolare le olive e tagliare a dadini le carote.
Versare un filo d'olio in una padella, unire le carote e le olive, aggiungere le spezie e se necessario regolare di sale. 
Far insaporire il tutto lasciando le carote al dente. Prima di spegnere aggiungere le mandorle tostate e tritate.
Cotte le patate, spellarle e ridurle in purea, unire sale, lo yogurt e le verdure spadellate, se necessario unire un pò di latte di soia per rendere tutto ben amalgamato. 
Ungere una pirofila, versare il composto, livellarlo bene e spolverarlo con impanatura di mais e lievito in scaglie. Infornare a 200 °C e far cuocere finché non si forma la crosticina. 
Sfornare e farlo raffreddare prima di servire (si rischiano ustioni al palato!)


Questa è la mezza teglia avanzata, l'altra l'abbiamo accompagnata con le ultime biete dell'orto, semplicemente scottate e condite con olio e limone. M. ha gradito molto e anche io 

12 commenti:

  1. Brava invitante, lo proverò con l'aggiunta di un pò di salame (tanto gradito a mio figlio) e un pò di grana.Ti chiamo più tardi per farti gli auguri..... ormai diventi vecchia anche tu.

    RispondiElimina
  2. Ma come, io ho elaborato una cosa leggera e saporita e tu la vuoi appesantire col salame ... O___=
    Come ti dicevo al telefono, l'importante è essere giovani dentro :-*

    RispondiElimina
  3. Ma sai quel monello tutte verdure non mi mangerebbe nulla.

    RispondiElimina
  4. ma le olive nere gli piacciono, e le carote sono affogate nelle patate, in più c'è il croccantino dovuto ai pezzetti di mandorle ... un connubio di sapori veramente indovinati, e poi la crosticina ... che fame!

    RispondiElimina
  5. Buono il gattò, anche senza salame... :D

    RispondiElimina
  6. ... e poi salame e company fanno male al fegato! :D

    RispondiElimina
  7. anch'io amo gli sformati, croccanti e saporiti, e questa è davvero una bella ricetta, da provare sicuramente!

    RispondiElimina
  8. proprio appetitoso, un piatto unico saziante.. con la crosticina.. che buono!!

    RispondiElimina
  9. Sara, Herby provatelo a noi è piaciuto molto, entrerà a piè pari nei "piatti da fare spesso" :-)

    RispondiElimina
  10. Sfizioso e invitante, soddisfa pienamente la voglia di qualcosa di gustoso..... Auguri, felice Natale :-)

    RispondiElimina
  11. lo farò, e tanti auguri di cuore!

    RispondiElimina
  12. wow che buono!!! crosticinaaaaaaaaaaa!!!!

    RispondiElimina

Benvenuta/o
commenti, confidenze o pensieri sono ben accetti sempre che non siano offensivi o volgari.