giovedì 10 maggio 2012

Salutiamoci: Fave e/o piselli - Maggio 2012



Parafrasando parole non mie:
Il gioco è semplicissimo. Ogni mese (il primo giorno del mese) il blog ospitante, fa un post e lancia un ingrediente. Chiunque può partecipare con una ricetta, c’è tempo fino a fine mese.
Non si vincono premi, non ci sono gare, non ci sono sponsor. A fine mese si fa la raccolta delle ricette.
Cos’ha di diverso dai soliti contest a tema?
Che bisogna seguire le indicazioni di questa tabella, dove ci sono tre colonne: gli ingredienti non permessi, gli ingredienti permessi ma non consigliati, gli ingredienti consigliati.
La tabella è stata decisa seguendo le indicazioni dell’Istituto dei Tumori di Milano e in particolare di questo libro. Gli ingredienti consigliati sono quelli che usano in Cascina Rosa nei loro corsi di cucina e nei loro progetti per la prevenzione.

L'idea mi piace, e ho anche un libro simile, ma edito da Tecniche nuove. In tutti i casi la sostanza non cambia, la prevenzione ai tumori (ma a tante altre malattie) va fatta iniziando dall'alimentazione. Quindi mi unisco volentieri a questa iniziativa che comincia la sua avventura dal blog di "stella di sale", che ci esorta così:
La sfida è cucinare qualcosa di buono, bello e soprattutto sano. Scoprire nuovi ingredienti, approfondire la conoscenza del rapporto tra cibo e salute, affinare il gusto, evitare scorciatoie industriali, sperimentare, rispettare l’ingrediente nella sua stagionalità.
Seguire le indicazioni dei medici che si occupano di prevenzione di tumori e altre malattie gravi senza mai pensare che questo sia mortificante e triste, anzi, al contrario, pensando che sia prima di tutto un atto d’amore verso se stessi e poi verso chi ci sta vicino e mangia quello che cuciniamo.
E ora veniamo alla ricetta che è liberamente ispirata ad una vista sul sito "Cucina Naturale" ... ma cambiando formato di pasta e qualche ingrediente ... praticamente elaborando un'altra ricetta:
Casarecce in verde

  • 300 g di pasta di grano duro 
  • 200 g di fave fresche 
  • 1 zucchina 
  • 2 cipollotti 
  • prezzemolo e foglie di sedano
  • olio evo q.b. 
  • sale 
  • peperoncino 
Scottare le fave in poca acqua salata, scolarle e sbucciarle. Lavare e tagliare a dadini la zucchina. Tritare i cipollotti finemente, fateli appassire con 2-3 cucchiai d'olio, unire la zucchina e cuocere altri 5 minuti. Aggiungere le fave e lasciar insaporire 2 minuti. Lessare la pasta, scolarla ed unirla alla verdura (se necessario aggiungere qualche cucchiaio d'acqua di cottura della pasta). Aggiungere il prezzemolo e sedano tritato. Mescolare e saltare a fiamma viva. Servire con peperoncino ed un giro d'olio a crudo.

Personalmente, preferisco le fave secche, come resa e come sapore, però se capita di farla in questo periodo è da assassini usare la variante secca se sul mercato c'è quella fresca.

8 commenti:

  1. grazie nadir, bellissima ricetta :-)

    RispondiElimina
  2. buonissima la pasta con le fave, la voglio provare, con il cipollotto, che gli darà una "marcia in più". Bella ricetta!

    RispondiElimina
  3. Gustosa questa ricetta e che bei colori!!! Io non ho mai pensato a cucinare le fave fresche, le mangio sempre crude ... dai, magari ci provo! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ PS: piccolo dono per te!
      http://golositavegane.blogspot.it/2012/05/i-love-your-blog.html

      Elimina
  4. non amo particolarmente le fave purtroppo, ma questo evento cui partecipare èp molto bello così come il tuo piatto :)

    RispondiElimina
  5. Beh una bella ricettina e una bella pasta. Anch'io ho optato per la pasta partecipando a questo bellissimo Contest :)
    Anch'io preferisco quelle secche perché non conservano, di meno, quel sapore leggermente amarognolo! ^^

    RispondiElimina
  6. toc toc....volevo dirti che da Stella è pronto il pdf del Salutiamoci di maggio: fave e piselli. Sei pronta ora per partecipare a giugno? Ti aspettiamo :)

    RispondiElimina
  7. Grazie per l'avviso Lo, passo a dare un'occhiata :)

    RispondiElimina

Benvenuta/o
commenti, confidenze o pensieri sono ben accetti sempre che non siano offensivi o volgari.