giovedì 7 maggio 2009

mooncup, questa sconosciuta

AVVERTENZA: Post dedicato principalmente alle donne... ma gli uomini lo possono leggere! ;-)

L'altro giorno facendo la spesa, nel "mio" negozio bio, ho visto questo prodotto 


ne ho parlato con la proprietaria/venditrice e mi ha detto che le donne che si sono convertite, sono estremamente soddisfatte, hanno finalmente eliminato tutti i problemi connessi con assorbenti esterni ed interni.
L'opuscolo datomi per informazione, rimanda a questo sito   dove spiega quello che è scritto sull'opuscolo, allora non convinta del tutto, (non mi fido del suono di una sola campana) ho fattouna ricerca e ho trovato un blog "Semplicemente:Vera" che ne parla e mette anche dei riferimenti  tra cui Wikipedia

E allora, la domanda sorge spontanea, ma è mai possibile che un prodotto così rivoluzionario quì in Italia sia pressocchè sconosciuto? E mi figuro la ragnatela di tutti gli interessi che ci possono essere dietro al fatto che esso sia poco pubblicizzato. Assorbenti interni significano soldi, per tanti da chi li produce, a chi ti deve curare per i problemi che ti causano a partire dalla secchezza vaginale fino ad arrivare a infezioni di germi patogeni.
Ho deciso la compro, e fanculo a tutta la chimica che sta dietro gli assorbenti per le donne!

7 commenti:

  1. Io la conosco gia' da tempo ed e' vero...non e' pubblicizzata per niente. Qualche remora ad usarla pero' ce l'ho...ma se cominci tu....poi mi saprai dire ;-)

    RispondiElimina
  2. Ciao Nadir, scrivo anche qui aggiungendo una riflessione sul tuo interrogativo...
    Io non sono così sicura che il motivo per cui la mooncup non si diffonde in Italia sia l'ostruzionismo di chi produce assorbenti.
    In altri paesi, europei e non, le coppe mestruali (non esiste solo la mooncup! Ci sono anche keeper, diva cup, lady cup...) sono piuttosto note e anche lì gli assorbenti si vendono eccome... e appartengono a grosse multinazionali.
    Credo che, molto banalmente, nella nostra cultura italiana dove il corpo è tabu, toccarsi tra le gambe è peccato, il sangue mestruale è una cosa sporca eccetera eccetera sia molto difficile far passare l'idea di usare un simile oggetto per le mestruazioni. Non per nulla, in ambienti meno elastici mentalmente la mooncup viene vista con schifo e addirittura è considerata pericolosa, poco sicura. C'è tanta ignoranza sul nostro corpo e sul suo esatto funzionamento!

    Meno male che ci sono i blog a fare controinformazione. :)

    Ciao! ;-)

    RispondiElimina
  3. Serena, più leggo e più mi attira, appena la provo ti faccio sapere.
    Vera, ciao e benvenuta, è vero quello che dici, ma allora le donne non dovrebbero usare nemmeno i tamponi. In tutti i casi io ho pubblicizzato la cosa anche su Facebook, mettendo il link al sito di wikipedia, e poi ho visto che esistono anche dei gruppi, ho aderito e ho invitato le mie amiche e parenti, una cosa così rivoluzionaria non deve essere nascosta, poi ognuno decide per se, ma almeno sapere che esiste. Ciao a presto :)

    RispondiElimina
  4. Se vuoi un'ulteriore testimonianza io la uso da parecchio e mi ci trovo benissimo :)
    "Tiene" molto di più degli assorbenti ultra, che non è poco. Inoltre in viaggio è una manna dal cielo, almeno per i viaggi che faccio io in cui il bagaglio deve essere essenziale e gli assorbenti occupano troppo spazio (oltre al fatto che non si possono buttare a volte... prova a cambiarti un assorbente in mezzo al deserto! ;) ). Insomma, ci ho trovato innumerevoli vantaggi e ne ho regalate diverse ad amiche ormai altrettanto soddisfatte. Compro sempre dall' UK però, costa meno che dall'Italia e in termini di ambiente è forse meno incisivo che comprare dall'Italia visto che è sempre da lìche arrivano, il produttore è Made in UK.

    La distribuzione italiana della Mooncup purtroppo è pessima e organizzata male. Secondo me la scarsa diffusione in Italia dipende anche da questo. In altri paesi come Francia e Germania è conosciuta quasi quanto i tampax e non si vende solo nei negozietti bio.

    RispondiElimina
  5. Essendo una sperimentatrice l'avrei provata: peccato che non mi serva più.;-)

    RispondiElimina
  6. sul mio libro "Fiori e api" dicono che la pyracanta produce sia nettare che polline, probabilmente nella tua zona c'è qualche altra fioritura più attrattiva per le api nello stesso periodo. ciao.

    RispondiElimina

Benvenuta/o
commenti, confidenze o pensieri sono ben accetti sempre che non siano offensivi o volgari.