mercoledì 27 febbraio 2008

Rabbia

Ci sono giorni in cui ti svegli bene, ma altri in cui la giornata si prospetta nera sin dal mattino, anche se tu scendi sempre dallo stesso lato del letto e quindi il piede che metti a terra per primo è sempre lo stesso.
Tiri su le tapparelle, e il grigiore uniforme della nebbia avvolge ogni cosa, quanto basta per volersene tornare di filato sotto le coperte, come ti suggerisce la parte più irrazionale di te, ma no! la razionalità fa capolino e, ti prepari la colazione, ci vorrebbe un caffè, ma con l'omeopatia non va daccordo, quindi opti per una tazza di latte di soia, cereali e miele.
Scopri con tuo disappunto che il latte di soia tiepido fa veramente schifo, finisci in fretta, ti lavi e ti vesti, accendi il PC per stampare una cosa che ti serve, e quell'idiota si spegne per batteria scarica.

Piccole difficoltà, se vogliamo, ma se non sei di buon umore, non le digerisci.

Ti metti in macchina, e al semaforo becchi l'unico idiota che dorme ancora e non si accorge che è scattato il verde, la strombazzata è doverosa, e incominci a borbottare tra te e te. Il traffico stamane è lento come un bradipo, prendi la scorciatoia, che ti fa guadagnare almeno 5 minuti, poi l'imbocco della tangenziale, e come tuo solito ti infili nella fila di destra, visto che è di là che devi svoltare, le auto procedono a singhiozzo, con grande piacere di frizione e freno, poi come sbucata dal nulla arriva lei nella sua C3 nera, e da sinistra ti stringe per infilarsi, ti coglie di sorpresa e lasci un pò troppo spazio, il varco è aperto.
Schiacci la mano quasi con violenza sul clacson, e forte è l'impulso di non darle strada,
ma arriva sempre lei la benedetta razionalità che non si fà mai i fatti suoi, "che fai rischi un incidente per un idiota?"
le lasci strada, imprecandole dietro, e rispondedo ai suoi gesti non proprio da signora, con altri altrettanto forbiti.

E la rabbia monta, verso di lei e tutte quelle persone che si credono più furbe delle altre, e verso di te. Perchè sei stata tu la stupida che le ha permesso di infilarsi. IDOTA!

Arrivi a lavoro, e anche se non c'è il tuo collega preferito (a casa con la moglie e la figlioletta di 1 settimana) la giornata sembra prendere a girare per il verso giusto, quattro chiacchere, un caffè e il lavoro.

Poi, intorno a mezzogiorno, altre grane. Banche che rompono le BIP chiedendo documenti che altre non chiedono, amministratori che non capiscono la tua situazione, in più l'accorgersi che certe procedure della ditta sono state non suffucientemente elaborate, essì che la settimana scorsa ci hai lavorato come una forsennata!

e allora, quella che sembrava sparita, è tornata più forte di prima, e la voglia di lasciarla esplodere è frenata da un sentimento misto tra razionalità, il fatto di sapere che non puoi influire su certi fatti e che devi pazientare, e l'aspettativa di lasciarla crescere,
ti accorgi di covarla quasi con amore, è una tua creatura ed è potente, la senti che permea ogni tua fibra e la tende sempre di più, ma non è arrivata ancora al punto di rottura ... hai due scelte davanti a te, tenerla ancora al caldo e farla lievitare come l'impasto per il pane oppure, buttare tutto fuori quand'anche fosse solo su di una tastitera, e se avete letto fin quà, è perchè ho scelto la seconda opzione!

11 commenti:

  1. Mamma mia.. mi ricorda un po' certi miei risvegli.. come quelli di lunedì mattina e martedì..
    Scrivere aiuta a sbollire un po' di solito.. Ti senti meglio?
    Un abbraccio solidale,
    buon pomeriggio.

    RispondiElimina
  2. Sole, si sto meglio perchè comunque è stato uno sfogo.

    :-) pensa che per me, che inizio a lavorare di martedì, questo è il secondo giorno di lavoro della settimana, quindi sarebbe il tuo martedì ;)

    RispondiElimina
  3. io ho letto tutto.
    e cmq sono convinta che la nebbia influisca moltissimo... te lo dico da "vicina di casa".
    spero che adesso vada meglio...
    ciao! :)

    RispondiElimina
  4. kleys, anche tu hai ragione, la nebbia è deleteria, e anche tu stando a Venezia ne sai qualcosa :)

    RispondiElimina
  5. Una scelta eccezionale!! Complimenti!
    ....perchè la tastiera la si poteva usare anche per romperla i testa a qualcuno!!!! :-D

    Un abbraccio rilassante! ;-)

    RispondiElimina
  6. Andrea, ma se la rompevo sulla testa di qualcuno, dopo come lo spiegavo al capo?

    grazie dell'abbraccio che ricambio :)

    RispondiElimina
  7. Uff...sapessi come mi sento io oggi....praticamente uno schifo!!!
    Pandora

    RispondiElimina
  8. Gli avresti potuto dire che non funzionava e per occupare uno spazio minore nel cestino ti eri adoperata per buttarla a pezzi!! :-D

    Un abbraccio....

    RispondiElimina
  9. :-D piccolo particolare, la tastiera ha meno di due mesi, e poi dovevo buttare anche la testa su cui l'avevo spaccata ;)

    RispondiElimina
  10. www.amoleapi.splinder.com8 marzo 2008 16:17

    è che dobbiamo sempre correre, si corre anche quando si va a divertirsi. In auto non mi interesso tanto degli altri, d'altronde ognuno avrà degli impegni e magari per loro il rompiscatole sono io.
    ciao

    RispondiElimina
  11. amoleapi, è vero quello che dici, che si corre sempre, ma io parto dal presupposto che se mi tagliano la strada mi da fastidio e quindi cerco di non farlo nei confronti degli altri. In fondo un pò di educazione e immedesimazione potrebbero evitare tante cose negative :)

    RispondiElimina

Benvenuta/o
commenti, confidenze o pensieri sono ben accetti sempre che non siano offensivi o volgari.